I POETI NON MUOIONO MAI La prima Mostra congiunta delle opere di CESARE E LUIGI ROCCATI a cura di Olga Gambari – Imbiancheria del Vajro – Chieri

70x100_manifesto

Apertura al pubblico  7 Ottobre – 11 Novembre 2018

venerdì, sabato e domenica dalle 16.00 alle 19.00 

promossa dall’Associazione Cesare e Luigi “Vigin” Roccati

Ingresso gratuito

Con il Vernissage sabato 6 ottobre alle 18.00 alla presenza del Sindaco Claudio Martano all’Imbiancheria del Vajro di Chieri si inaugura la prima Mostra congiunta delle opere di Cesare e Luigi “Vigin” Roccati, un padre e un figlio legati dal talento e dalla passione per l’arte che in vita hanno tracciato una storia che da personale è divenuta collettiva.

La Mostra, a ingresso gratuito, sarà aperta al pubblico dal 7 ottobre all’ 11 novembre dal venerdì alla domenica (dalle 16.00 alle 19.00) con aperture particolari dedicate alle scuole e a gruppi di visitatori.

Questa grande Mostra corale dal titolo “I poeti non muoiono mai”, voluta dal Comune di Chieri a ricordare i suoi due cittadini e dai Soci e Amici dell’ Associazione Cesare e Vigin Roccati , presenta in un suggestivo percorso narrativo il dialogo tra temi, poetiche e atmosfere attraverso oltre sessanta opere di pittura e scultura dei due protagonisti.

Arricchiscono il racconto che si dipana in Mostra opere inedite di Collezionisti privati, insieme a documenti storici e fotografie.

Il decennale della scomparsa di Cesare Roccati, nel 2008, e dei cinquant’anni dalla morte di Luigi Roccati, nel 1967, offrono l’occasione per ricordare e ripercorrere la vita e l’opera di queste due figure le cui radici sono legate a Chieri e Torino, il Paese dell’anima, ma che hanno esplorato e inciso con le loro diverse attività e con lo stesso impegno civile sulla scena internazionale.

‘I poeti non muoiono mai’ è anche il titolo di un più vasto progetto, promosso dall’Associazione Cesare e Vigin Roccati con il sostegno di Istituzioni ed esponenti della società, che tra il 2018 e il 2019 sta dando vita a una serie di iniziative culturali dedicate a Cesare e Luigi Roccati, presentandole come figure del contemporaneo.

Progetto che a partire dalla nascita dell’Archivio Roccati avrà anche l’obiettivo scientifico, filologico e storico di identificazione e censimento  delle opere, parallelamente agli inizi dei lavori per la creazione del Catalogo Ragionato su Luigi Roccati. Un patrimonio artistico, letterario ed etico prezioso, oltre che un modello al di là di tempi e geografie, attraverso cui rileggere una storia che attraversando il secolo breve e fino ai giorni nostri diventa racconto e storia collettiva. Infine dedicato al futuro delle nuove generazioni. A fornire strumenti ai giovani per interpretare e raccontare il proprio tempo attraverso le arti visive, il giornalismo, il cinema e la parola scritta.

10x15cartolina.jpg