Serata dedicata a Cesare Roccati – Cascina Caccia 21 giugno insieme a Luigi Ciotti *

invito 21 Cascina Caccia Roccati Armonia 2Ecco l’invito alla serata del Festival Armonia dedicata a Cesare nella splendida cornice di Cascina Caccia, bene confiscato alle mafie.

Vi aspettiamo con Luigi Ciotti giovedì 21 giugno alle 20.00 per condividere una meravigliosa cena e parlare insieme dei prossimi appuntamenti tra cui le Mostre di Cesare e Vigin in autunno.

Per il successo della serata vi preghiamo di invitare molti amici e, per necessità organizzative, di confermare al più presto la vostra partecipazione a info@liberapiemonte.it o alla segreteria 011/3841081.
invito 21 Cascina Caccia Roccati Armonia 1.jpg

“LA CITTA’ DONNA” di Cesare Roccati

LA CITTA DONNA martano w

Sullo sfondo della città di Chieri vista dal colle di San Giorgio, il Sindaco Claudio Martano accanto a “La Città Donna” l’opera di Cesare che abbiamo donato alla Città, con cerimonia pubblica, presente l’Amministrazione Comunale insieme al Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte Alberto Sinigaglia, a tanti amici, colleghi della Gazzetta del Popolo e rappresentanti della Fondazione Benvenuti in Italia che è entrata a far parte della nostra Associazione, tra i Soci Fondatori, congiuntamente alla Federazione Nazionale Stampa Italiana. 

Nel corso di questo bellissimo pomeriggio, il Sindaco ha annunciato la futura intitolazione della Sala al Centro Studi Roccati, dedicando quel luogo già frequentato da tanti giovani alla memoria di Vigin e Cesare, proprio nel decennale della scomparsa di Cesare e a pochi giorni dal suo settantaseiesimo compleanno, nella città dove era nato il 16 Aprile 1942.  

La Sala del Centro Studi diventerà anche luogo di formazione e attività dedicate al futuro delle nuove generazioni attraverso la parola scritta, l’Arte e il Giornalismo, proposte dall’Associazione Cesare e Vigin Roccati in sinergia con il  Comune di Chieri, con le reti della Fondazione Benvenuti in Italia e  con l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, che già nelle parole del suo Presidente Alberto Sinigaglia, intende portare iniziative aperte agli studenti legate ai corsi di aggiornamento e alta formazione dell’Ordine.

8512C891-F475-4FE8-A45F-33D58252C2DA

Accanto a “La Città Donna”  c’è un testo di Cesare iscritto su un piccolo cavaliere, che l’accompagna in quello spazio dedicato allo studio, che ricorda il passato industriale della Città.

“Ciò che vale per i poeti vale per gli uomini comuni, ma anche per i popoli. Ognuno di noi ha bisogno di memoria. Ma invecchiando ne perde un po’, rimuove, senza accorgersene, momenti preziosi della propria vita, individuale e collettiva. Così sta avvenendo nella vita dei popoli. Ad un certo punto non sembrano ricordare nulla, le loro radici, i loro errori. E così, eternamente, si ricomincia da capo, in una sorta di circolo infernale. Accadeva in passato, accade sempre di più oggi, in tempi di globalizzazione, di Internet, di processi che tendono ad azzerare le memorie individuali e collettive.”   Cesare Roccati   

Donazione di un’opera di Cesare Roccati alla Città di Chieri

Invito Cerimonia Pubblica Donazione Opera Roccati

Il debutto della nostra Associazione Cesare e Vigin Roccati sarà la Cerimonia Pubblica di Donazione di un’Opera di Cesare dedicata alla Città di Chieri, il prossimo sabato 21 aprile alle ore 17.00 presso la Biblioteca Civica di Chieri.  

In questa occasione, cui siete caldamente invitati, il Sindaco Claudio Martano annuncerà la futura intitolazione della Sala del Centro Studi Roccati, e l’Associazione gli eventi che ci attendono nel 2018, anno in cui ricorre il decennale della scomparsa di Cesare, con il progetto delle mostre diffuse “I POETI NON MUOIONO MAI” a cura di Olga Gambari, a partire dalla prima grande mostra congiunta di Cesare e Vigin Roccati in collaborazione con il Comune di Chieri che si terrà nei mesi di ottobre e novembre nelle sale dell’Imbiancheria del Vajro. 

Siamo felici di comunicarvi che l’opera, che mia madre Luciana ed io doniamo alla città natale di mio padre proprio nei giorni di quello che sarebbe stato il suo settantaseiesimo compleanno, è una bellissima scultura dal titolo :

La Città Donna” _ Cesare Roccati (2007)

Cesare Roccati : “L’uomo che Coltivava Conchiglie – Autobiografia di un Giornalista”

L'UOMO CHE COLTIVAVA CONCHIGLIE _ Libro

Il 2018 segna il decennale della scomparsa di Cesare Roccati. Siamo felici di annunciare la pubblicazione del primo tra i suoi libri inediti, grazie all’impegno dell’Editore ADD, ed in collaborazione con Federazione Nazionale Stampa Italiana, Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Associazione Stampa Subalpina e Centro Studi sul Giornalismo Gino Pestelli.

Il titolo è : “L’uomo Che Coltivava Conchiglie – Autobiografia di un Giornalista” con le prefazioni di Luigi Ciotti e Marco Zatterin, uno scritto curatoriale di Olga Gambari, e gli interventi del figlio Gigi Roccati e della moglie Luciana Santaroni.

E’  un volume di memorie che Cesare lasciò al figlio Gigi e che attraversa la storia del Paese nel secolo breve, di quasi trecento pagine con un inserto fotografico a colori, sarà nelle librerie dal 9 maggio e lo presentiamo in anteprima al Salone del Libro di Torino nella serata inaugurale di Giovedì 10 Maggio alle ore 18.30 allo Spazio Eventi del Salone, insieme agli autori dei contributi, all’Editore ADD ed in sinergia con il nostro media partner, LA STAMPA.

Seguiranno presentazioni e book – tour in varie location in tutta Italia, a partire dal prossimo Autunno. Vi aspettiamo numerosi !

 

La Stampa: Premio Artistico Cesare Roccati

Siamo felici di condividere la bellissima iniziativa lanciata da La Stampa con la  creazione del Premio Artistico dedicato ai giovani intitolato a Cesare Roccati, voluto dai colleghi della redazione, e grazie all’impegno del Vice Direttore Marco Zatterin.

Il premio sarà assegnato dalla Redazione de La Stampa ad un/una giovane di talento, in concomitanza con la rassegna di Arte Contemporanea Artissima, a partire dalla prossima edizione del 2018, e portando il nome di Cesare concorrerà  alle iniziative che la nostra Associazione sta preparando per i dieci anni dalla sua scomparsa.

Il Premio Cesare Roccati è il riconoscimento importante, dedicato alle nuove generazioni, del lavoro e dell’impegno che in oltre quarant’anni Cesare ha profuso per un giornalismo libero ed etico, in difesa della dignità di una professione al servizio della collettività. Una storia che racconta il nostro tempo attraverso la modernità del novecento eppur affonda radici profonde nella terra antica, nella ricerca di una visione del mondo da interpretare con le immagini e la parola scritta. Per chi lo riceve sarà l’opportunità di presentare il proprio lavoro nella più importante rassegna dell’Arte Contemporanea in Italia.

Nelle sue parole : << A volte mi chiedo “Cosa abbiamo imparato dalle tragedie del secolo breve, se anche oggi, come allora, si spara e si uccide in tante parti del mondo?” E ancora “Ma in che mondo viviamo, e dove stiamo andando?”. Poi, mi guardo attorno, e vedo i giovani. Sono colti, preparati, sanno tutto, sono bravissimi, ma hanno dei problemi enormi: sono disillusi, smarriti, precari nella vita come nel lavoro, vivono in un mondo che non ha storia, che non offre loro un futuro certo. E’ una generazione a cui il Sistema ha tarpato le ali, a cui ha tolto la speranza, perfino la voglia di volare. E questo è uno dei più grandi crimini che l’uomo possa commettere sull’uomo. E allora ripenso a Carlo Levi. Lui, una risposta l’aveva trovata. Diceva che  il “futuro ha un cuore antico”. Allora, se è così, si possono tentare anche delle risposte. Si può tentare di parlare del presente, con occhio al passato, per capire almeno dove stiamo andando >>

Il Mondo Che Verrà _ Cesare Roccati _ 2008

PREMIO ROCCATI _ LA STAMPA _ ARTISSIMA

Associazione Cesare e Vigin Roccati

Nel novembre 2016 si costituisce lAssociazione dedicata alla memoria di Cesare e di Luigi Roccati – con sede legale al Palazzo Ceriana Mayneri di Torino – dove risiedono l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Il Circolo della Stampa, l’Associazione Stampa Subalpina ed il Centro Studi sul Giornalismo Gino Pestelli – al fine di raccogliere, conservare e valorizzare la loro Opera Artistica e Letteraria come un patrimonio ed un bene comune.

Nata per la volontà di un gruppo di amici, colleghi e di Istituzioni che avendo fatto parte della loro vita – in modi, forme, tempi e luoghi diversi, sempre apprezzandone le qualità dellessere ed il valore del fare – hanno ritenuto doveroso e importante costituirsi in Associazione, insieme alla moglie di Cesare Luciana Santaroni ed al loro figlio Gigi che prosegue il cammino dei padri come regista cinematografico e documentarista.

Tra i Soci Fondatori figurano l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, LAssociazione Stampa Subalpina, il Circolo della Stampa, Il Centro Studi sul giornalismo Gino Pestelli, il Comune di Chieri oltre a numerosi rappresentanti del mondo giornalistico, imprenditoriale e culturale nazionale. L’Associazione sta inoltre riscontrando l’adesione di tantissimi Soci Sostenitori che partecipano alle iniziative condividendone gli obbiettivi e impegnandosi a costruire opportunità.

I Soci tutti, ispirandosi ai principi della solidarietà e dell’utilità sociale, in favore della comunità, secondo le finalità dello Statuto: “intendono promuovere convegni, manifestazioni, mostre, ricerche, pubblicazioni e studi, collaborando con Istituzioni, Enti Pubblici e Privati, per la realizzazione di iniziative ed attività di carattere culturale al fine di rendere vive ed attuali le figure di Luigi e Cesare Roccati, rinnovandone l’impegno civile e sociale a beneficio della collettività e dei giovani.”